15 consigli pratici per migliorare, promuovere e ottenere più traffico sul tuo blog oggi

Creare il tuo blog è il passo numero uno.


Per stare al passo con la concorrenza in qualsiasi nicchia, è necessario crescere attivamente e migliorare il tuo blog.

Ci sono molti fattori che vanno nella costruzione di un blog di successo. L’utilizzo del giusto set di dati, la scelta degli strumenti migliori e l’applicazione della migliore strategia hanno tutti un impatto sul successo del tuo blog.

Contents

Cosa c’è in questa guida?

In questa guida, esamineremo una serie di cose che puoi fare per migliorare e far crescere costantemente il tuo blog.

Il nostro approccio è simile a “Kaizen”, un termine che di solito si riferisce al processo statistico che migliora la qualità in ogni aspetto di un’operazione commerciale (originariamente, manifatturiera). Ci concentreremo sull’uso di dati / metriche Web specifiche per definire le nostre azioni.

Alcuni dei suggerimenti che ho citato richiedono uno sforzo minimo e possono creare risultati positivi immediati; mentre altri richiedono più tempo e competenze per completare. È come giocare ai videogiochi di ruolo – alcuni livelli sono facili mentre altri richiedono più tempo / sforzo per padroneggiare le abilità e la svolta necessarie.

      I dati sono tuoi amici, ma quali?

      Sappiamo che i dati sono fondamentali per misurare i tuoi progressi e favorire il miglioramento dei blog.

      Ma quale tipo di dati dovresti guardare?

      Se non usi le metriche web giuste per tenere traccia dei progressi e ottimizzare il tuo sito, potresti fare due passi indietro invece di un passo avanti.

      A seconda della natura della tua nicchia e del livello di comprensione, potresti esaminare diversi tipi di dati statistici.

      A prima vista, il rapporto di Google Analytics può essere travolgente. Così tanti numeri! E potresti non avere familiarità con alcune metriche o concetti.

      Beh, non temere perché …

      1. I numeri / concetti non sono così complicati e
      2. Onestamente, non credo che i blogger debbano dedicare troppo tempo alla macinazione dei rapporti di Google Analytic.

      Quindi, sto suggerendo di tracciare solo quattro numeri di Google Analytics. E qui ci sono le quattro statistiche fondamentali su Google Analytics che ogni blogger – indipendentemente dalle dimensioni del tuo blog o dalla nicchia in cui ti trovi – dovrebbe capire e tenere d’occhio.

      1- Sessioni / Utenti acquisiti

      Secondo la definizione di Google: una sessione è un gruppo di interazioni dell’utente con il tuo sito Web che si svolgono entro un determinato periodo di tempo.

      Immagina una sessione come contenitore per le azioni che un utente intraprende sul tuo blog. Il contenitore può contenere più visualizzazioni di pagina, eventi ed azioni.

      Tieni presente che esiste una grande differenza tra una sessione e un utente nel rapporto di Google Analytic.

      Una semplice spiegazione (per maggiori dettagli, leggi questo) è che: un utente è una persona che viene al tuo blog e legge i tuoi contenuti. Un singolo utente può registrare più sessioni al giorno nel rapporto di Google Analytics. Ad esempio, se viene sul tuo sito leggi un paio di post sul blog alle 8 del mattino e ritorna di nuovo dopo il pranzo alle 13:00 – sono registrate due sessioni.

      Esistono due metodi con cui termina una sessione:

      • Scadenza basata sul tempo: dopo 30 minuti di inattività / A mezzanotte
      • Modifica campagna: se un utente arriva tramite una campagna, lascia e poi ritorna tramite una campagna diversa.

      Tracciare quante sessioni / utenti acquisisce il tuo blog è un modo per misurare la crescita. Se il tuo blog sta acquisendo più sessioni di questo mese rispetto a prima, allora sicuramente devi fare qualcosa di giusto.

      Per vedere i tuoi numeri nell’acquisizione di sessioni / utenti, accedi a Google Analytics, Dashboard > Acquisizione > Panoramica.

      2- Canali di traffico / riferimenti

      Google Analytics raggruppa le sorgenti di traffico in più canali, quelli comuni sono Ricerca a pagamento, Ricerca organica, Diretta, Sociale, Referral e così via.

      La maggior parte di questi termini si spiega da sé, tranne per:

      • Il termine “Referral” si riferisce ai visitatori provenienti da collegamenti su altri siti Web;
      • “Diretto” si riferisce agli utenti che visitano il tuo blog digitando il tuo indirizzo web nella barra degli indirizzi.

      Per ottenere i numeri, accedi a Google Analytics, Dashboard > Acquisizione > Tutto il traffico > canali.

      Esempio (acquisizione > Tutto il traffico > canali).

      Dai un’occhiata da dove proviene il tuo traffico.

      Esiste un sito o un blog che si distingue da quale piattaforma social sta inviando più traffico al tuo blog? Stai ricevendo molto traffico di ricerca organico (sei fortunato!)? Quali sforzi vengono sprecati per quanto riguarda il traffico?

      E la domanda sul denaro: cosa posso fare per aumentare questo numero il mese prossimo?

      (Analizzeremo alcune delle cose che puoi fare nella parte successiva della nostra guida.)

      3- Frequenza di rimbalzo

      Un rimbalzo è una sessione di una sola pagina sul tuo blog. Un utente rimbalzato arriva sul tuo blog e se ne va senza visitare una seconda pagina.

      La frequenza di rimbalzo è una buona misura del contenuto o della qualità del traffico:

      • Stai offrendo il giusto contenuto al tuo pubblico?
      • Stai prendendo di mira il pubblico giusto con i tuoi contenuti?

      Una frequenza di rimbalzo elevata non è necessariamente una cosa negativa.

      Se il successo del tuo blog dipende dalla visualizzazione da parte degli utenti di più di una pagina, ad esempio, gli utenti visitano la tua pagina “Inizia qui” e si suppone che facciano clic su un link per leggere gli altri tuoi post, quindi, sì, una frequenza di rimbalzo elevata è cattivo.

      Tuttavia, ci sono altri casi in cui è preferibile un’alta frequenza di rimbalzo. Ad esempio, se il tuo blog dipende dal reddito degli affiliati, un’alta frequenza di rimbalzo potrebbe essere una buona cosa: i tuoi utenti visitano il tuo blog, fanno clic sui tuoi link di affiliazione e lasciano.

      La frequenza di rimbalzo è una metrica importante perché innesca il “perché-domanda”.

      Perché c’è un improvviso aumento (o calo) della frequenza di rimbalzo del tuo blog?

      C’è un link di immagine interrotto? Il caricamento del sito è troppo lento? L’allineamento del design è intatto? La fonte di traffico del blog è cambiata radicalmente?

      4- Tempo medio sulla pagina

      Tenere traccia del tempo che una persona trascorre sulla tua pagina ti aiuta a capire come migliorare i tuoi contenuti e la viscosità del blog.

      Esistono diversi modi per misurare il tempo medio sulla pagina, ma per un facile riferimento, ci concentreremo solo su quello più semplice.

      Tempo medio sulla pagina Accedi a Google Analytics, Dashboard > Comportamento > Contenuto del sito > Tutte le pagine.

      5- Obiettivi (opzionali)

      In parole povere, gli obiettivi di Google Analytics misurano il modo in cui il tuo blog raggiunge i tuoi obiettivi target.

      Questi obiettivi possono essere:

      1. Iscriviti alla tua newsletter, oppure
      2. Visita e leggi un contenuto sul tuo blog o
      3. Scarica il tuo ebook o
      4. Effettua un acquisto (se stai elaborando una transazione).

      L’impostazione degli obiettivi in ​​Google Analytics non è un must, ma è altamente raccomandato se stai leggendo per superare la curva di apprendimento.

      Avere obiettivi configurati correttamente consente a Google Analytics di fornirti informazioni importanti, come il numero di conversioni e il tasso di conversione per il tuo sito, che a loro volta ti aiutano a valutare l’efficacia dei tuoi contenuti o della tua campagna di marketing.

      Parleremo di più su come vengono utilizzati gli obiettivi .

      Apportare miglioramenti …

      Dopo aver compreso i diversi tipi di dati disponibili per il tuo sito, ecco alcune delle cose pratiche che puoi fare per migliorare il tuo blog.

      Tattica n. 1: Conosci meglio il tuo pubblico

      Chi è il tuo pubblico, davvero? Qual è la loro età generale? Che livello di istruzione hanno? Qualsiasi specificità culturale?

      E, soprattutto: PERCHÉ sono sul tuo sito? Come puoi fare di meglio per servirli?

      Se non sai chi sono i tuoi lettori di blog, stai girando al buio.

      Ecco tre modi per conoscere meglio il tuo pubblico.

      Inizia con le persone che conosci, quindi espandi ai nomi nella tua nicchia. Raccogliere informazioni, creare statistiche e grafici. Come blogger, potresti trovare sondaggi e sondaggi utili strumenti a portata di mano. Il polling del pubblico del tuo blog ti aiuta a determinare i dati demografici.

      Usa sondaggi, sondaggi e interviste per scoprire chi sta leggendo e chi potrebbe leggere – la loro età, generi, occupazioni, interessi, percorsi di vita, ecc. Invitali a contattarti e presentarsi e parlare di ciò che gli piace di il tuo blog. Perché hanno scelto di seguirti? Che tipo di post sono i loro preferiti? Cosa c’è di te e dei tuoi contenuti che ti conferisce credibilità ai loro occhi?

      Invito sempre gli abbonati WHSR a fare clic su “rispondi” nella newsletter in modo da avere la possibilità di connettersi. Dovresti fare lo stesso.

      Ecco tre strumenti per aiutarti a creare sondaggi gratuitamente:

      • Survey Monkey
      • Google Form
      • Zoho Survey

      Ci sono molte informazioni nella tua Pagina Facebook (suppongo che tu ne abbia una per il tuo blog, in caso contrario – vai a crearne una al più presto). Devi solo sapere dove trovarli.

      Facebook Audience Insights, collega la tua pagina per scoprire di più sul tuo pubblico: età e sesso, pagine che piacciono e acquisti online (solo USA).

      I forum sono utili per vedere cosa sta bollendo nel tuo campo e cosa il tuo pubblico sta trovando interessante e pertinente in un determinato momento.

      Webmaster World e Web Hosting Talk sono due esempi tipici di come un forum di nicchia può fornirti un’incredibile quantità di input per capire di cosa sono preoccupate le persone nel mio settore.

      Un avvertimento prima di salire comunque: non lasciare che il rumore ti distragga dai tuoi obiettivi. I forum ospitano la buona e la cattiva mela della base di utenti, quindi assicurati di filtrare eventuali discussioni irrilevanti e concentrarti solo su ciò che conta, in particolare gli argomenti che sono sostanzialmente richieste di aiuto, poiché ti forniscono materiale di base per scrivere una risposta.

      Tattica n. 2: versa l’olio nel fuoco: concentrati sul vincitore

      Ora sei armato dei dati giusti sul tuo blog e sul tuo pubblico, è tempo per alcune azioni.

      La prima cosa da fare è capire cosa funziona e cosa non fa per il tuo blog.

      1. Investi più denaro e sforzi in fonti di traffico che convertono il meglio.

      Nell’esempio seguente (vedi immagine sotto), il tasso di conversione all’obiettivo per il traffico di Facebook Mobile e Google Organic sta convertendo 7x in 20x meglio. Quello che dovremmo fare qui è spendere più impegno, tempo e denaro per ottenere più traffico da queste due fonti.

      Per esaminare il traffico del tuo blog, accedi alla dashboard di Google Analytics > Acquisizione > Tutto il traffico > Fonte / mezzo.

      2. Raddoppia su una campagna pubblicitaria che funziona.

      Se stai spendendo $ 50 al mese per un annuncio Twitter che sta generando molto traffico, spendi $ 100 al mese e raggiungi ancora più persone.

      3. Espandi i tuoi contenuti (invece di creare sempre nuovi post)

      Espandi i contenuti che offrono le migliori tariffe di coinvolgimento.

      Quali argomenti sembrano essere più popolari tra i tuoi lettori? Puoi aggiungere ulteriori informazioni nel post? Sii creativo – intervista un esperto del settore, aggiungi alcuni nuovi grafici, crea tutorial video e così via. La chiave è concentrarsi sui vincitori e trarne il meglio.

      Gli utenti trascorrono più tempo su queste pagine (numeri sottolineati). Puoi espandere i contenuti che offrono il miglior tasso di coinvolgimento? Per vedere questo numero, accedi alla dashboard di Google Analytics > Comportamento > Contenuto del sito > Tutte le pagine.

      Tattica # 3: Raccogli i frutti bassi

      La frutta a sospensione bassa è abbastanza facile da afferrare un albero da frutto e fortunatamente la maggior parte dei siti Web ha anche frutta a sospensione bassa per la raccolta. Le attività di base che puoi svolgere in pochi minuti al giorno possono avere un grande impatto sul successo complessivo del tuo blog.

      Alcune attività di base che puoi svolgere in questo momento includono:

      1. Usa IFTTT per promuovere i tuoi ultimi post sul blog sui social media.
      2. Imposta un profilo di social media specifico per il tuo blog.
      3. Aggiungi pulsanti di condivisione social al tuo sito web.
      4. Crea una pagina di contatto in modo che i visitatori del sito sappiano come raggiungerti.
      5. Installa un sistema di commenti di terze parti, come Disqus. Ciò migliorerà il tasso di coinvolgimento degli utenti.
      6. Scrivi una pagina di esclusione di responsabilità, in modo che i lettori sappiano di potersi fidare di te in anticipo.
      7. Condividi i contenuti più di una volta; usa lo strumento di automazione per ricondividere la tua vecchia rete. Condividendo nuovamente i contenuti più vecchi, li mantieni di dominio pubblico.
      8. Crea raccolte che presentano alcuni dei tuoi migliori contenuti.
      9. Crea un’infografica che spieghi ulteriormente un articolo popolare.
      10. Esegui alcuni test A / B per vedere come funziona tutto, dalla navigazione ai pulsanti di chiamata all’azione.
      11. Crea una pagina Inizia qui per servire i tuoi nuovi visitatori.
      12. Scopri qual è il tuo tema principale per il tuo blog e assicurati che tutto il contenuto corrisponda al tuo tema / obiettivi.
      13. Controlla errori di ortografia, errori grammaticali e errori di battitura sul tuo blog. Nulla rende un blog più professionale di errori multipli e coerenti in questo settore.
      14. Sviluppa una squadra di strada. Questa è una squadra di persone che aiutano a spargere la voce sul tuo blog. In cambio, potresti inviare loro una maglietta gratuita o altri gadget.
      15. Crea un calendario editoriale.
      16. Pianifica i backup in modo da non perdere l’intero blog a causa di un catastrofico crollo del sito.
      17. Studiare il tuo slogan? Cattura l’interesse del lettore? Spiega efficacemente di cosa ti occupi?
      18. Segui altri blog nella tua nicchia e connettiti con quei proprietari di blog.
      19. Commenta altri blog e aggiungi pensieri preziosi.
      20. Trova un mentore che ha avuto successo con il suo blog. Chiedi al mentore di aiutarti a rendere il tuo blog un successo.
      21. Rendi il tuo invito all’azione (CTA) il più chiaro possibile. Sostituisci parole come “fai clic qui” con comandi più potenti come “ottieni ebook gratuito”.
      22. Assicurati che ci sia un equilibrio tra immagini e testo, ma che le immagini siano rilevanti per il post.
      23. Risolvi eventuali collegamenti interrotti. Puoi installare un plugin che ti permetterà facilmente di trovare collegamenti interrotti su un blog WP.

      Tattica n. 4: crea un elenco, raccogli le e-mail dei visitatori

      Le persone che visitano il tuo sito sono arrivate lì perché sono interessate all’argomento trattato. Questo è mirato da un pubblico quanto puoi incontrare. È importante raccogliere le loro informazioni di contatto in modo da poter continuare a commercializzare con queste persone.

      I social media sono sovraffollati, ma con la posta elettronica stai inviando i tuoi materiali a un pubblico molto specifico che ha già deciso di essere interessato a quello che hai da dire.

      Il 91% delle persone controlla le proprie caselle di posta elettronica ogni singolo giorno.

      Confrontalo con siti come Facebook, in cui il tuo post potrebbe essere spinto verso il basso dal feed delle notizie.

      Fortunatamente, ci sono alcuni strumenti di email marketing che possono aiutarti a raccogliere e rimanere organizzati con l’email marketing.

      • Contatto costante
      • GetResponse
      • AWeber

      Inoltre, vorrai utilizzare un modulo di attivazione progettato in modo professionale, quindi non c’è dubbio che l’utente abbia effettuato l’iscrizione alla mailing list. L’ultima cosa che vuoi è essere accusato di spamming quelli sulla tua mailing list. Alcuni degli strumenti dell’elenco e-mail sopra menzionati hanno moduli di opt-in o plug-in integrati che si sincronizzano con il tuo blog.

      Come scegliere come target e far crescere la tua e-mail: suggerimenti di Adam Connell

      Adam Connell

      Una delle mie tecniche preferite [di costruzione di elenchi] sta usando “opt-in mirati di categoria”.

      È un’idea simile agli aggiornamenti dei contenuti, ma è molto più facile da gestire.

      L’idea è che usi i moduli opt-in per offrire contenuti esclusivi pertinenti a un argomento che qualcuno sta leggendo in quel momento.

      Ad esempio, se stai pubblicando un blog sul cibo, offriresti un “magnete principale” diverso alle persone che leggono la categoria di ricette di pasti rispetto a quelle che visualizzerai la categoria di ricette per la colazione.

      È quello che abbiamo usato in UK Linkology per aumentare le iscrizioni via email di oltre il 300%:

      Ecco una breve descrizione del processo che abbiamo usato:

      1. Riorganizzare & condensare le nostre categorie di blog in 4-5 argomenti principali
      2. Creato un magnete principale per ogni argomento principale
      3. Installato il plug-in WordPress di Thrive Leads che può indirizzare i moduli di opt-in a categorie specifiche
      4. Imposta i moduli opt-in per promuovere ciascun magnete principale (ci siamo concentrati sui moduli opt-in sidebar, in-content e popover)
      5. Targeting per categoria attivato per garantire che ciascun modulo di attivazione venga visualizzato nella categoria corretta

      La chiave qui è offrire un magnete al piombo che è strettamente correlato a ciò che qualcuno sta leggendo in quel momento.

      In questo modo, hanno molte più probabilità di abbonarsi.

      – Adam Connell, Adam Connell mi punteggia.

      Tattica # 5: Informazioni sulla pagina

      Una pagina Informazioni davvero sorprendente deve contenere più di semplici fatti sulla tua azienda. Dovrebbe essere la storia di te e di come hai fatto crescere la tua attività, quali sono le tue convinzioni fondamentali e cosa ti rende diverso dai tuoi concorrenti. Ecco alcuni elementi chiave di una buona pagina Informazioni.

      Idea n. 1: conduci con un gancio di apertura che afferra il lettore.

      Yellow Leaf Hammocks afferra il lettore con questa linea nella sua pagina: “IN AGGIUNTA al cambiamento sociale sostenibile, crediamo appassionatamente nei viaggi, pisolini, buon cibo, grandi amici, lunghe chiacchiere, orizzonti allargati + spirito di avventura”. Come hai potuto aiutare ma continua a leggere?

      Idea n. 2: mantienila personale.

      Eight Hour Day è un esempio di un sito Web che lo fa bene. Si inizia semplicemente con “Ciao! Siamo Nathan Strandberg e Katie Kirk … ”Il tono forte e colloquiale attira il lettore.

      Idea n. 3: condividi la tua cronologia.

      Brian Clark di Copyblogger inizia la sua pagina Informazioni parlando della storia dell’azienda.

      La tua pagina Informazioni dovrebbe essere un riflesso della tua dichiarazione aziendale e della tua personalità. Rendilo interessante e i lettori si sentiranno come se ti conoscessero a livello personale.

      Tattica # 6: migliora visivamente il tuo blog

      La persona media impiega 0,05 secondi per esprimere un giudizio sul tuo sito web. Ciò si traduce in 50 millisecondi per fare una buona prima impressione sul tuo visitatore. In 50 millisecondi, è dubbio che la persona abbia il tempo di leggere gran parte del tuo testo. Cosa significa? Ciò significa che la prima impressione della maggior parte delle persone sul tuo sito Web è fatta in base al design e alle immagini, che il cervello elabora più velocemente del testo.

      In generale, ecco cosa suggerisco con gli elementi visivi del tuo blog:

      Non:

      • Usa foto brutte e irrilevanti che non fanno nulla per far sembrare distintivo il tuo marchio
      • Usa le foto con modelli mal posizionati

      Ecco tre modi per trovare, non è necessario assumere un fotografo e una troupe per ottenere bellissime foto per il tuo sito web.

      1- Crea te stesso

      Con così tante risorse gratuite e applicazioni Web su Internet, è semplicissimo creare immagini straordinarie da solo, anche se non sei un graphic designer di professione.

      Fotoritocco

      Vuoi una grafica originale per il tuo prossimo post sul blog? Crealo tu stesso seguendo questi passaggi:

      1. Scatta foto usando il tuo telefono,
      2. Trova icone gratuite e arti vettoriali su WHSR Icons, Icon Finder o Freepik,
      3. Unisci e modifica questi elementi usando un editor web come Pic Monkey, Canva o Design Wizard.

      Esempio: creazione di un’immagine di Facebook Post utilizzando l’editor gratuito di Design Wizard. Lo strumento offre oltre 17.000 modelli di design e 1.200.000 immagini nel loro database – .

      Software scaricabile (gratuito)

      Registra il tuo schermo e trasformalo in immagini GIF. Strumento gratuito – ScreenToGif (Windows) e Kap (Mac).

      Esempio: immagine GIF Ho realizzato questo post personale per la raccolta di siti Web usando ScreenToGif.

      2- Assumi un designer freelance

      Nel caso in cui lo scatto grafico e fotografico non sia davvero la tua passione, puoi sempre lasciare il lavoro a un designer freelance.

      Il costo della grafica e del web design è diminuito significativamente negli ultimi anni grazie al software libero e alla forte concorrenza. Sulla base del mio recente studio, un designer addebita mediamente circa $ 26 / ora e puoi arrivare a $ 3 / mese.

      Non annuncio: Chee Ching è la mia persona preferita quando ho bisogno di servizi di progettazione professionale. È la designer “full-package” che ha un grande talento e senso degli affari – non posso raccomandarla abbastanza.

      Costo del sito Web e della progettazione grafica basati sui profili di Freelancer Topwork Top 100. Tariffa oraria media = $ 26,32 / ora; più alto = $ 80 / ora, più basso = $ 3 / mese (fonte).

      3- Pixabay (o altre directory che offrono splendide immagini)

      Se devi aggiungere foto irrilevanti al tuo post, il minimo che puoi fare è evitare brutte foto d’archivio. Non solo sono insignificanti e distintivi, ma possono apparire su più altri siti in qualsiasi momento, rendendo il tuo blog meno unico.

      Ci sono innumerevoli directory di immagini in cui puoi ottenere foto meravigliose e gratuite. Pixabay è il mio preferito per la sua flessibilità. Non ci sono requisiti di attribuzione, il che significa che puoi fare quello che vuoi con le immagini che ottieni da questa fonte.

      Inoltre, è semplicissimo da usare: è disponibile anche una semplice ricerca direttamente sulla home page prima ancora di effettuare l’accesso. Avrai accesso a foto, immagini vettoriali e illustrazioni e potrai filtrare in base alle esigenze. Il download delle immagini reali è incredibilmente facile e, di nuovo, include opzioni per la dimensione dell’immagine (pixel e MB) in modo che l’immagine che hai in mano sia chiara e di qualità per qualunque sia il tuo scopo (nel mio caso, molto probabilmente online per il tuo blog: non sono necessarie dimensioni di file enormi).

      Esempio: immagine trovata su Pixabay.

      Esempi di vita reale

      Esempio n. 1: non limitare tutti i contenuti insieme

      Dovrebbe esserci un equilibrio tra spazio bianco e altri elementi. Lo spazio bianco non deve essere il colore bianco. Nota come Freshbooks utilizza lo spazio negativo per creare un aspetto elegante. Ridurre il disordine sulla pagina. Elimina gli elementi non necessari o spostali altrove. Aumenta lo spazio bianco per ridurre il rumore.

      Esempio n. 2: utilizzare un design semplice per ridurre al minimo la distrazione

      Gli utenti dovrebbero concentrarsi sui tuoi contenuti. Mint fa un buon lavoro focalizzando il lettore sullo scopo del sito – per farti iscrivere per un account.

      Esempio n. 3: utilizzare meno elementi nel menu di navigazione in alto

      È quindi possibile creare sottocategorie in quelle più grandi. Un esempio che mostra come organizzare molte categorie può essere visto su Amazon.com. Hanno suddiviso gli articoli in categorie, come Libri, ma poi suddividono ulteriormente la categoria in base a sottocategorie aggiuntive per aiutarti a ordinare e trovare l’articolo specifico che desideri tra le migliaia. Se hai molte categorie, prova a trovare solo alcune categorie principali. Ridurre l’utilizzo dei popup. Al massimo aggiungi solo un popup.

      Tattica n. 8: ottimizzazione dei motori di ricerca nella pagina

      Quando avrai una migliore posizione nei motori di ricerca, vedrai un aumento del traffico e delle entrate. Tuttavia, capire il santo graal su come posizionarsi più in alto nei motori di ricerca può sembrare schiacciante. Mentre è vero che la ricerca e il miglioramento dei fattori off-page (come l’ottenimento di collegamenti) sono naturalmente importanti, ci sono molti frutti bassi nel SEO che molti blogger trascurano.

      Google cambia regolarmente i propri algoritmi, quindi può essere difficile capire esattamente cosa vuole Google. Ci sono tre cose su cui devi concentrarti se vuoi classificare bene nel motore di ricerca di Google: Contenuto, autorità delle prestazioni ed esperienza utente.

      Tutti questi fattori si uniscono e si combinano in quello che Google considera un blog “buono” che merita un posizionamento più elevato nei risultati di ricerca.

      Aumenta il traffico di ricerca del 321% con SEO onpage

      Ultimamente, ho studiato i modi per aumentare il traffico di ricerca organico solo attraverso la modifica e la formattazione del contenuto (On-Page SEO).

      E ho ottenuto buoni risultati.

      Il traffico di ricerca di uno dei miei post è aumentato del 321%!

      Ecco i passaggi SEO di base sulla pagina che ti aiuteranno a ottenere più traffico:

      1. Tieni traccia dei link in uscita per estendere i tuoi contenuti con le informazioni che interessano il tuo pubblico.

      Ad esempio: nel mio articolo sul primo post sul blog ci sono collegamenti ad altre risorse con dozzine di idee per i post sul blog.

      Non appena ho aggiunto il codice per il monitoraggio dei collegamenti in uscita, ho scoperto che i miei lettori fanno clic su questi collegamenti come un matto. Cosa ho fatto? Ho esteso i miei contenuti con 57 idee per il primo post sul blog. E ora questa è la mia parola chiave più popolare che porta la maggior parte del traffico di Google.

      2. Crea una s se hai più di 2.000 parole scritte.

      Questo ti aiuterà a ottenere collegamenti rapidi a SERP Google e ad aumentare il tuo CTR.

      3. Trova le domande poste dal tuo pubblico sull’argomento del tuo articolo e fornisci le risposte.

      Puoi rispondere a domande di Google nel blocco “Anche le persone chiedono”.

      Queste azioni aumenteranno le tue possibilità di entrare nello snippet in primo piano.

      4. Cerca di includere parole chiave a coda lunga pertinenti nel tuo H2.

      Ma non esagerare!

      5. Utilizzare elenchi numerati e puntati per avere la possibilità di colpire lo snippet in primo piano.

      Non appena ci sono stato, i clic sul mio articolo su questa query sono aumentati del 20%!

      6. Prova sempre un nuovo titolo per le tue pagine se non sei soddisfatto dei risultati del tuo traffico proveniente da Google.

      Cambiarlo. Sperimentare! Aggiungi modificatori e nuove parole chiave.

      Per il mio articolo più popolare, ho modificato il tag Title più di 20 volte quest’anno :)

      E di conseguenza, ho aumentato il traffico del 321% grazie a questi semplici passaggi SEO sulla pagina.

      – Michael Pozdnev, voglio essere un blogger.

      Alcune semplici cose che puoi fare per migliorare le classifiche di ricerca sono:

      • Usa i tag alt descrittivi su tutte le immagini
      • Correggi tutti gli errori 404 e i collegamenti interrotti
      • Includi parole chiave in H1, H2 e H3
      • Collegamento interno: assicurati che le tue pagine importanti siano ben collegate internamente
      • Utilizza contenuti originali e utili che rispondono alle esigenze degli utenti: Google Panda penalizza i siti con troppe pagine di contenuti sottili
      • Utilizza breadcrumb e sitemap per aiutare Google a comprendere la struttura del tuo sito e il flusso di contenuti
      • Utilizzare a se il contenuto è più lungo di 2.000 parole
      • Testa i titoli delle tue pagine per migliorare il CTR della pagina dei risultati di ricerca: casi di studio hanno dimostrato che il CTR influenza il posizionamento dei siti.
      • Migliora la percentuale di coinvolgimento del sito: la frequenza di rimbalzo e il tempo sulla pagina influiscono sul posizionamento del sito.

      Tattica n. 9: leggi la tua scrittura

      Un modo semplice per migliorare il tuo blog è prendere il tempo per lavorare su vecchi contenuti. Leggi i vecchi post regolarmente per:

      • Trova e correggi gli errori grammaticali. Anche i pezzi che hanno subito più modifiche possono contenere errori di battitura.
      • Scrivi titoli e sottotitoli migliori. Verifica che siano rivolte alle parole chiave che desideri e che siano abbastanza interessanti da catturare l’interesse del lettore.
      • Genera nuove idee per promuovere vecchi post sui social media. Ad esempio, puoi ospitare una chat di Twitter che utilizza alcuni dei tuoi vecchi post per iniziare una discussione?
      • Riutilizzare i vecchi contenuti e presentarli in un modo nuovo e interessante, come una presentazione o un video.
      • Crea raccolte dei tuoi post migliori incentrati su un argomento specifico.
      • Rendi i post popolari facili da trovare.
      • Ricicla e aggiorna i tuoi vecchi contenuti in qualcosa di ancora più prezioso di prima.

      Tattica n. 10: un buon contenuto non è sufficiente

      Non si può negare che contenuti buoni e ben scritti siano importanti se si vuole coinvolgere il proprio pubblico. Ma semplicemente non è sufficiente per indirizzare il traffico al tuo sito da solo.

      Devi creare contenuti che il tuo pubblico di destinazione desidera leggere.

      Come fai a sapere cosa vogliono leggere?

      1. Google Analytics

      Guarda indietro a Google Analytics. Scopri quale tipo di contenuto ama il tuo pubblico. Con quali pezzi interagiscono o condividono più spesso? Crea più di quegli argomenti e meno di quelli meno popolari (o riutilizzi quelli meno popolari per renderli più simili ai post popolari).

      Ad esempio, questi sono i nostri 10 migliori post sul blog per i segreti di Web Hosting rivelati a gennaio 2016. Il post sui plugin di Facebook sta trattenendo il pubblico più a lungo della media. Ciò significa che il pubblico trova queste informazioni utili. In effetti, stanno spendendo il 100% in più di tempo su quel post rispetto ad altri. È tempo di scoprire cosa lo fa funzionare così bene e di “amplificare” il contenuto.

      2. Altre piattaforme multimediali

      Lasciati ispirare dai contenuti popolari su Podcast, Canali YouTube, SlideShare e così via. Questa è una finestra su ciò che le persone nella tua nicchia vogliono sapere di più. C’è una ragione per cui determinati contenuti sono più popolari in qualsiasi momento.

      Ad esempio, iTunes consente agli utenti di sfogliare i podcast in base alla popolarità. Prendi nota dell’argomento e del modo in cui viene presentato al pubblico.

      Usa YouTube per vedere cosa stanno facendo i vlogger nella tua nicchia. Scopri quali video sono più popolari nei loro canali. Trasforma questi video popolari in idee per i contenuti del blog.

      Su SlideShare, puoi andare alla pagina Più popolari per scoprire quali diapositive stanno catturando l’interesse dei visitatori del sito.

      Campione di vita reale: podcast Planet Money, classificati in base alla popolarità.

      3. Tendenza su Twitter

      Cosa fa tendenza su Twitter? Questo può offrire informazioni sugli argomenti attuali di cui i tuoi lettori potrebbero voler sapere di più. Tieni a mente:

      Non tutto ciò che è di tendenza su Twitter è rilevante per la tua nicchia. La moglie di Brad potrebbe essere stata licenziata da Cracker Barrel, ma ha davvero a che fare con la tua attività di coaching aziendale? Forse lo fa se volessi parlare di come superare una tempesta di social media.

      Puoi sempre generare nuove idee per i blog da What’s Trending su Twitter, anche se non è esattamente la tua nicchia. In WHSR – parte della nostra crescita proviene dalla strategia dei contenuti in cui uniamo la nostra nicchia primaria (blog, web hosting, social media marketing) con altri argomenti di tendenza (World of War Craft, Dungeon Master, Shark Tank TV series, giardinaggio, ecc. ). Sposare due argomenti molto diversi espande i lettori e offre nuovi angoli di scrittura sul tuo argomento.

      I siti in cui le persone fanno domande su un argomento, come Quora, possono anche essere una buona fonte per vedere ciò che le persone vogliono sapere di più.

      Tattica n. 11: crea una pagina hub e presenta i tuoi contenuti migliori

      Dai un’occhiata alle diverse categorie sul tuo sito web. Ci sono delle categorie mancanti? Puoi creare una pagina hub (alcuni la chiamano “pagina della barra multifunzione”) e presentare i tuoi contenuti migliori in quella categoria? O forse vuoi semplicemente evidenziare un argomento specifico rispetto ad altri perché l’analisi dei dati ha dimostrato che i visitatori del tuo sito sono più interessati a XYZ.

      Puoi creare grafici che si collegano agli argomenti, raggruppare gli elementi in un grafico di base e aggiungere colore e interesse al tuo sito. Alcuni dei tipi di contenuti che potresti voler includere sarebbero:

      • Guide pratiche su un argomento particolare
      • Casi studio
      • Argomenti avanzati
      • Argomenti più popolari in una categoria specifica
      • Argomenti di tendenza al momento

      Tattica n. 12: migliorare la velocità di caricamento del sito

      Abbiamo parlato poco prima dell’importanza di tempi di caricamento rapidi per il tuo sito Web e di quanto possano essere impazienti le persone. Per caricare il tuo blog più velocemente è necessario esaminare molti elementi diversi.

      Strumenti da provare

      ShortPixel aiuta a comprimere e ottimizzare le immagini senza compromettere la qualità dell’immagine. Puoi inserire l’URL del tuo sito qui e controllare quanto più puoi comprimere le immagini del tuo sito con ShortPixel.

      Tattica n. 13: connettiti con gli altri nella tua nicchia

      La maggior parte delle guide di blog che troverai online oggi si concentrano sul miglioramento della tua scrittura o sull’aggiunta di più contenuti.

      Tuttavia, la verità è che un contenuto maggiore o persino migliore non è sempre la risposta.

      A volte, è più intelligente allontanarsi dalla creazione di più contenuti e esaminare altre cose che puoi fare per ottenere risultati migliori dal blog, come la rete con i tuoi colleghi.

      A prima vista, potrebbe non sembrare una buona idea parlare con altri blogger nella tua nicchia. Dopotutto, entrambi siete in lotta per un traffico simile.

      Tuttavia, il collegamento con altri influenzatori può effettivamente beneficiare entrambi. C’è abbastanza traffico da girare e quando i blogger si raccomandano a vicenda, i visitatori del loro sito tendono a prenderne atto.

      • Contatta e collega con altri blogger. Entrambi siete rivolti a un pubblico simile, quindi ne trarrai beneficio entrambi. Puoi anche connetterti con i blogger nelle nicchie correlate. Ad esempio, se fai cartelli in legno e li vendi, ti consigliamo di connetterti con un blog che parla di decorazioni fai-da-te.
      • Condividi le informazioni con altri blogger. Hai trovato un posto per pubblicizzare che ha particolarmente successo? Non abbiate paura di dirlo agli altri. A loro volta, ti diranno dove pubblicizzare.
      • Scambia i messaggi degli ospiti tra loro per raggiungere il pubblico reciproco.
      • Presenta i tuoi amici di blogger ai tuoi lettori presentando un’intervista, inserendo un articolo su di loro nella tua newsletter o semplicemente dando loro un messaggio sui social media.
      • Condividi idee su scrittura e modifica.

      Jeffrey Wilson Administrator
      Sorry! The Author has not filled his profile.
      follow me

        Like this post? Please share to your friends:
        Adblock
        detector
        map