Come installare e lavorare con la rete multisito di WordPress

WordPress è una piattaforma popolare per qualsiasi cosa, dai blog personali ai negozi di e-commerce a tutti gli effetti. È inoltre dotato degli strumenti necessari per creare e gestire una rete multisito.


Prima di tutto, ricorda che una rete multisito è diversa dalla gestione di diversi siti Web con singole installazioni di WordPress. Con una rete multisito, esegui più siti da una singola dashboard di WordPress.

Ad esempio, se si esegue una pubblicazione online, l’utilizzo della funzionalità multisito consente a diversi team di gestire sezioni specifiche come sport, tecnologia e affari. Una rete multisito ha senso anche per aziende o blog che adattano le esperienze in base alla regione o alla lingua del pubblico.

Installazione di una rete multisito

La prima cosa che devi fare per configurare una rete multisito è abilitare la funzione nel tuo file wp-config.php. Si noti che è possibile accedere a questo file utilizzando “File Manager” o una funzione simile dal proprio account di web hosting.

Per abilitare le reti multisito per WordPress, incolla il seguente codice nel tuo file wp-config.php:

/ * Multisito * /
define (‘WP_ALLOW_MULTISITE’, true);

Per verificare se hai abilitato correttamente la funzionalità multisito, vai su Strumenti > Network Setup se l’opzione diventa disponibile.

configurazione di rete

Se stai lavorando su un sito Web WordPress esistente, assicurati di disattivare prima tutti i plugin per evitare possibili conflitti.

Puoi farlo andando nella tua Dashboard > plugin > Plugin installati, facendo clic sulla casella di controllo “Seleziona tutto” (accanto alla parola “Plugin”) e selezionando “Disattiva” dal menu a discesa “Azioni in blocco”.

plugins

Installazione di Multisito

Andare su Strumenti > Network Setup dovrebbe far apparire la pagina “Crea una rete di siti WordPress”. Se il tuo URL web ha il prefisso “www”, potresti essere avvisato di cambiarlo. Questo passaggio ha lo scopo di impedire ai link del sottodominio di avere il prefisso “www”.

Create-a-rete-di-wordpress-siti-wordpress

Prima di procedere con l’installazione, specificare un titolo di rete e un’e-mail di amministrazione. Cerca anche un messaggio di avviso in “Dettagli rete” per vedere se hai bisogno di sottodirectory o sottodomini per la tua rete. Questo messaggio apparirà se il tuo sito è in esecuzione da più di un mese. Fai clic su “Installa” per procedere con il passaggio successivo.

Abilitando il multisito su una nuova installazione di WordPress, puoi scegliere se utilizzare sottodomini o sottodirectory per la tua rete. Se WordPress è installato in una directory diversa dalla radice del dominio, è necessario utilizzare le sottodirectory. Altrimenti, dovresti usare i sottodomini purché la tua soluzione di hosting WordPress li supporti. Tieni presente che non puoi cambiare questa decisione in seguito!

Abilitazione della rete

A questo punto, ti verrà chiesto di modificare i tuoi file wp-config.php e .htaccess dal tuo account di hosting. Si noti che è necessario copiare e incollare il file codici esatti mostrato in questa finestra. Come misura precauzionale, creare backup dei file wp-config.php e .htaccess originali prima di procedere.

Create-a-rete-di-wordpress-siti-wordpress

Dopo aver aggiornato i file, aggiorna il tuo sito Web ed esegui nuovamente l’accesso. Dopo questo passaggio, hai attivato correttamente la tua rete multisito!

Aggiunta di nuovi siti

Dopo aver abilitato correttamente la tua rete multisito di WordPress, ora dovresti essere in grado di accedere al menu “I miei siti” dalla dashboard di WordPress. Per aggiungere nuovi siti alla tua rete, vai su I miei siti > Amministratore di rete > siti > Aggiungere nuova.

sottodomini

Qui è possibile specificare l’indirizzo del sottodominio o della sottodirectory insieme al titolo del sito e all’e-mail di amministrazione. Una volta creato, fai clic sul nome del sito per gestirne le singole informazioni, gli utenti, i temi e le impostazioni:

  • Nella scheda Informazioni, è possibile aggiornare il dominio o lo stato di un determinato sito.
  • Nella scheda Utenti, è possibile visualizzare e gestire tutti gli utenti di un sito specifico. Puoi anche concedere i privilegi di amministratore ad altri utenti.
  • Proprio come in una normale installazione di WordPress, è possibile installare e attivare temi in Temi
  • Nella scheda Impostazioni, tu e altri amministratori del sito potete accedere tutti impostazioni, inclusi titolo, descrizione e tema del sito.

Creazione di sottodomini da cPanel

Se hai creato una rete multisito utilizzando i sottodomini, puoi anche configurarli dal cPanel del tuo account di hosting. Accedi semplicemente usando le tue credenziali e cerca l’opzione “Sottodomini” in “Domini” o una sezione simile.

In questa sezione, puoi scegliere un nome per i nuovi sottodomini e individuare “Document Root”. Tuttavia, la maggior parte delle piattaforme di hosting rileva automaticamente il percorso corretto per la home directory, quindi raramente è necessario modificare ciò che si trova nel campo radice del documento.

Un ultimo consiglio: utilizzare un buon host

Poiché stai eseguendo due o più siti su una singola installazione di WordPress, una rete multisito può esaurire le risorse del server e causare prestazioni lente. Ecco perché è importante scegliere una soluzione di hosting web capace.

Per lo meno, dovresti optare per l’hosting VPS per rendere il tuo sito impermeabile all’uso di altri proprietari di siti. Inoltre, considera l’utilizzo di un host dedicato nel caso in cui ciascuno dei tuoi sottodomini riceva una notevole quantità di traffico.

Conclusione

Seguire i passaggi precedenti dovrebbe aiutarti a configurare correttamente la tua rete multisito di WordPress. Ricorda solo che le reti multisito sono gestite al meglio da un team. Potresti voler gestire i tuoi utenti e i loro privilegi prima di lavorare sul design e sulla funzionalità di ciascun sito.

Jeffrey Wilson Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
    Like this post? Please share to your friends:
    Adblock
    detector
    map