5 semplici modi per eseguire il backup / migrare il tuo blog WordPress con plugin

Se gestisci un blog WordPress, devi sviluppare piani di emergenza che ne preservino la continuità. Fantastico come WordPress è una piattaforma di costruzione di siti, è vulnerabile a errori e hack che possono mettere il tuo sito in un attimo.


Ecco perché, oltre a prestare molta attenzione a ciò che integri nel tuo sito Web, devi anche creare regolarmente backup dei tuoi dati.

Oggi, molte società di hosting WordPress gestite offrono soluzioni di backup a pagamento con vantaggi utili, dall’automazione all’assistenza clienti prioritaria. Se disponi del budget per tali servizi, potresti anche lasciarti aiutare a proteggere il tuo sito.

Altrimenti, continua a leggere e apprendi gli strumenti e i passaggi su come eseguire il backup e la migrazione dei tuoi siti WordPress.

Metodo n. 1: utilizzo del duplicatore

Scarica il plugin & maggiori dettagli: WordPress.org/plugins/all-in-one-wp-migration/

Un altro plug-in molto apprezzato che è possibile utilizzare per i backup sarebbe la migrazione WP All-in-One.

Come suggerisce il nome, questo plugin ha tutto ciò che ti serve per creare copie dei dati del tuo sito Web WordPress.

Al momento dell’installazione, vai semplicemente alla dashboard di WordPress e vai a “Migrazione WP All-in-One” > “Esporta” per avviare l’utilità.

Prima di procedere, vale la pena controllare la sezione “Opzioni avanzate” per un elenco di utili esclusioni di backup. Con un solo clic, puoi escludere l’esportazione di commenti spam, pubblicare revisioni, file di temi, plug-in e tutto ciò che ritieni non necessario per un uso futuro.

Una volta che sei soddisfatto delle tue impostazioni, fai clic sul pulsante “Esporta in” per rivelare le tue opzioni di archiviazione. Ciò include l’esportazione in un file locale, Dropbox, OneDrive e tramite FTP.

Con la versione gratuita di All-in-One WP Migration, puoi solo esportare il backup del tuo sito Web in un file locale. Tutte le altre opzioni, tra cui Dropbox, Google Drive, Amazon S3, OneDrive, Box e FTP, richiedono l’acquisto di un’estensione.

Per iniziare l’esportazione con il tuo piano gratuito, fai clic su “File” e attendi il completamento del popup.

Al termine, puoi scaricare direttamente il backup del tuo sito Web o fare clic su “Chiudi” per mantenerlo salvato nel tuo server web per ora. Ricorda solo che hai bisogno di una copia del tuo backup in una posizione diversa dal tuo sito web. Se prendi l’abitudine di archiviarli nel tuo server Web, sono vulnerabili come il tuo sito Web quando si tratta di attacchi informatici e problemi sul lato server.

Dovresti essere in grado di trovare un elenco dei tuoi backup andando su “Migrazione WP All-in-One” > “Backup” dalla dashboard di WordPress.

In questa pagina, è possibile scaricare, eliminare o ripristinare qualsiasi backup facendo clic sul pulsante corrispondente a destra.

Se hai esportato i dati del tuo sito in una piattaforma di archiviazione cloud esterna, puoi ripristinarli andando su “Migrazione WP All-in-One” > ‘Importare’. Fai clic su “Importa da” e scegli il servizio che hai utilizzato.

Oltre alla compatibilità con i servizi di archiviazione cloud di terze parti, la versione premium di All-in-One WP Migration include anche l’assistenza clienti 24/7.

Metodo n. 3: utilizzo del backup completo di Dropbox

Scarica il plugin & maggiori dettagli: WordPress.org/plugins/backup/

A giudicare dal numero di installazioni attive e da valutazioni costantemente elevate, è lecito ritenere che BackupGuard sia uno dei plugin più affidabili per la creazione di backup del sito.

Funziona integrando un’interfaccia di backup dinamica direttamente nella dashboard di WordPress.

Dopo aver installato e avviato il plug-in, è possibile avviare immediatamente la procedura di backup facendo clic sul pulsante “Backup” dalla pagina principale del plug-in.Questo ti darà due opzioni di backup: un backup completo del sito o un backup personalizzato in cui puoi scegliere manualmente quali elementi verranno salvati.In caso di successo, dovresti essere in grado di vedere il tuo backup appena creato nell’elenco BackupGuard. Qui è possibile ripristinare, eliminare o scaricare il backup facendo clic sui pulsanti a destra.Un altro nell’interfaccia che dovresti conoscere è il pulsante “Importa”. Selezionando “Importa”, è possibile caricare facilmente un file di backup in BackupGuard purché non superi i 128 megabyte. Se il tuo file supera questo limite, dovrai caricarlo manualmente tramite FTP nella posizione designata.

Dirigendoti alla scheda “Impostazioni”, puoi modificare un paio di cose come l’ubicazione dei file da escludere, il percorso di destinazione del backup, la frequenza delle richieste AJAX e ricaricare i callback.

Le funzionalità professionali di BackupGuard includono backup automatici, notifiche e-mail, supporto di emergenza 24/7 e integrazione diretta con i servizi di archiviazione cloud. Nel caso in cui desideri una migrazione completa del sito, sono anche disposti a fare tutto il lavoro pesante per te.

Metodo n. 5: utilizzo di UpdraftPlus

Jeffrey Wilson Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
    Like this post? Please share to your friends:
    Adblock
    detector
    map